COPERTINA PITTAT

Pittat’, libro d’esordio di Riccardo Giammarino, giornalista e scrittore.

COPERTINA PITTAT

Presso l’Iqos Embassy (riservato stampa) e il KK un evento per presentare

 il volume che racconta il legame tra il Napoli e la città attraverso murales e graffiti

 

 

Mentre in America ed in Europa si innalzano muri per non capirsi, a Napoli anche i muri parlano. Parlano per raccontare gli umori e le passioni della città attraverso murales e graffiti. Ed è proprio quello che racconta Pittat’, libro d’esordio di Riccardo Giammarino, giornalista e scrittore, che attraverso la sua penna dà forma a quel legame tutto particolare che fonde il Napoli e la città. Una città per la quale un calciatore non è mai solo un mito calcistico, ma è soprattutto un guerriero che si batte per lei negli stadi di tutta Europa.

 

«Quello della pittura sui muri è probabilmente il più antico sistema di comunicazione – spiega l’autore – spesso, però non si dà il giusto peso a quello che, comunque, è un nitido riflesso del pensiero popolare. Solo in una città come Napoli, in cui il tifo e la passione per la squadra sono un unicum con la civiltà locale, è possibile raccontare emozioni di successi e di delusioni che trasudano attraverso le gocce di vernice, che in questo modo diventano tracce di storia».

 

Il libro, che gode della prefazione di Francesco De Luca responsabile dello Sport del quotidiano Il Mattino, sarà presentato alla stampa il prossimo giovedì 16 novembre, alle ore 18, presso l’embassy Iqos in via Filangieri, 68. Insieme all’autore interverranno, moderati dalla giornalista Taisia Raio, Ciro Borriello, assessore allo sport del Comune di Napoli, Giuseppe Bruscolotti, capitano del Napoli che vinse il primo scudetto, Francesco Montervino, capitano del Napoli fino al 2009, e il giornalista Carlo Zazzera.

 

L’appuntamento proseguirà, poi, dalle 19 al Kisskissbangbang sushi&drink (via Cappella Vecchia, 9/10), dove si parlerà di tifo e murales, sorseggiando un aperitivo.

Direttore editoriale

POST POPOLARI